La sentenza condanna l’intermediario a restituire tutti gli interessi incamerati a causa dell’usura rilevata nel contratto di Leasing.

La Civileasing Spa è stata costretta a restituire oltre 300.000,00 Euro ad un cliente, in quanto il Giudice ha ritenuto infondata la tesi sostenuta dalla società di Leasing, in propria difesa, secondo la quale il TEGM rilevato periodicamente dalla Banca d’Italia è determinato includendo solo gli interessi corrispettivi e non anche quelli moratori, pertanto ogni comparazione sarebbe impossibile trattandosi di tassi disomogenei fra loro.

Al contrario, il Giudice ha affermato che l’usura oggettiva deve essere stabilita in funzione alla natura ed alla tipologia del credito, e non alla diversa natura del tasso applicato ad esso (corrispettivo o moratorio). Pertanto l’unico tasso soglia rilevante ai fini del calcolo dell’usura è il TEGM rilevato periodicamente dalla Banca d’Italia.